stiramento adduttore

Stiramento adduttore: Dall’infortunio al ritorno allo sport

Lo stiramento dell’adduttore dell’anca, detto anche lesione addurre o strappo adduttore, è spesso causa comune di dolore nell’area inguinale, specialmente tra gli atleti, e coinvolge spesso il muscolo adduttore lungo. I muscoli adduttori, come il grande adduttore, il pettineo, l’adduttore lungo e il gracile, partono dal bacino e si attaccano al femore o alla tibia. Servono a muovere la gamba verso il centro del corpo, a differenza dei muscoli che la spostano verso l’esterno.

Gli infortuni comuni a questi muscoli, come gli strappi, avvengono di solito quando si fa un movimento brusco e ampio con la gamba, come durante una caduta con le gambe aperte o cambiando direzione velocemente. Questo tipo di infortunio può avere un impatto significativo sulla stagione sportiva di un atleta, a causa delle difficoltà nella gestione del percorso riabilitativo e della necessità di implementare misure preventive per evitare il rischio di sviluppare una condizione cronica che potrebbe influenzare la carriera a lungo termine.

Si stima che circa la metà degli atleti interessati da questo infortunio richieda più una lunga assenza dallo sport e con un rischio di recidiva molto alta. Pertanto, è fondamentale un corretto approccio clinico e un programma riabilitativo adeguato per garantire un sicuro ritorno allo sport per l’atleta.

Stiramento adduttore: Cause

Gli stiramenti degli adduttori sono infortuni comuni, spesso riscontrati dagli atleti e da coloro che praticano attività fisica intensa. Questi muscoli, situati nella parte interna della coscia, svolgono un ruolo fondamentale nel movimento delle gambe e sono spesso soggetti a stress eccessivo. In questo articolo, esploreremo le cause degli stiramenti degli adduttori e come prevenirli e trattarli efficacemente.

1. Sforzo Eccessivo: L’eccessiva tensione o sforzo sui muscoli adduttori può causare uno stiramento. Questo accade spesso durante attività sportive come il calcio, il rugby e il tennis, dove i movimenti bruschi e i cambi di direzione possono mettere sotto stress questi muscoli.

2. Raffreddamento Inadeguato: Un riscaldamento insufficiente prima dell’attività fisica può aumentare il rischio di stiramento degli adduttori. I muscoli non adeguatamente preparati sono più suscettibili a lesioni.

3. Flessibilità Limitata: La mancanza di flessibilità nei muscoli adduttori può aumentare la probabilità di stiramento. Gli esercizi di stretching regolari possono aiutare a mantenere la flessibilità muscolare.

4. Squat e Sollevamento Pesi: Gli esercizi come squat e sollevamento pesi possono mettere pressione sugli adduttori se non vengono eseguiti correttamente o se si utilizzano carichi eccessivi.

5. Scompenso Muscolare: Un dislivello nella forza tra gli adduttori e gli abduttori (i muscoli nella parte esterna della coscia) può contribuire agli stiramenti degli adduttori.

stiramento adduttori

Classificazione dello stiramento degli adduttori

La classificazione dello strappo muscolare dell’interno coscia è un argomento complesso e importante nel campo della medicina sportiva e della riabilitazione. Queste lesioni sono generalmente suddivise in tre categorie principali, basate sulla gravità e sul tipo di danno al tessuto muscolare.

1. Lesioni di Grado I (Strappi Muscolari Leggeri): Queste lesioni sono caratterizzate da piccoli danni alle fibre muscolari, causando dolore e disagio ma mantenendo la funzionalità del muscolo. I sintomi includono dolore lieve, gonfiore e qualche limitazione nei movimenti. Il tempo di recupero è relativamente breve, spesso da pochi giorni a una settimana.

2. Lesioni di Grado II (Strappi Muscolari Moderati): Queste lesioni sono più severe e comportano un danno più esteso alle fibre muscolari. I sintomi includono dolore acuto, gonfiore significativo, lividi e una riduzione della forza muscolare. In questi casi, il muscolo non è completamente lacerato, ma la guarigione richiede un periodo di riposo più lungo, che può variare da alcune settimane a un mese.

3. Lesioni di Grado III (Strappi Muscolari Gravi o Rotture Complete): Queste lesioni rappresentano le più gravi e implicano una rottura completa del muscolo o del tendine. Sono associate a dolore intenso, gonfiore severo, ecchimosi e una perdita completa della funzione muscolare, tanto che bisogno usare le stampelle per muoversi per impossibilità motorie. Spesso richiedono un intervento chirurgico e un lungo periodo di riabilitazione, che può durare diversi mesi.

Oltre a queste classificazioni principali, esistono anche altre sottocategorie basate su specifici criteri, come la localizzazione della lesione (intrafasciale, interfasciale, ecc.) e il tipo di danno (distorsione, lacerazione, ecc.). La diagnosi accurata e la classificazione della lesione sono fondamentali per determinare il trattamento più appropriato e per ottimizzare il processo di guarigione.

Stiramento adduttore: Diagnosi

La diagnosi di uno stiramento adduttore segue un processo dettagliato, che combina valutazione clinica e, se necessario, esami diagnostici. Ecco i passaggi principali:

1. Anamnesi: Il medico inizia raccogliendo informazioni sulle circostanze dell’infortunio, i sintomi attuali, la storia medica del paziente e eventuali precedenti lesioni muscolari. Questo aiuta a comprendere il contesto e la gravità dell’infortunio.

2. Esame Fisico: Il medico esegue un esame fisico per valutare il grado di dolore, gonfiore, ecchimosi (lividi) e riduzione della mobilità. Si concentra sull’area interessata per valutare la forza muscolare, l’ampiezza del movimento e la presenza di eventuali anomalie.

3. Test Funzionali: Il medico può chiedere al paziente di eseguire alcuni movimenti o test funzionali per valutare l’impatto dello stiramento sulle normali funzioni muscolari.

4. Palpazione: Mediante la palpazione, il medico cerca di individuare la zona esatta del dolore e la consistenza del tessuto muscolare, per identificare l’area specifica dello stiramento.

5. Esami di Imaging: Se la diagnosi non è chiara o se si sospetta una lesione più grave, possono essere richiesti esami di imaging. La risonanza magnetica (MRI) è particolarmente utile per visualizzare dettagliatamente i tessuti molli, inclusi i muscoli e i tendini. L’ecografia muscoloscheletrica è un’altra opzione per valutare lo stato dei tessuti in tempo reale. La radiografia (raggi X) è meno utilizzata per le lesioni muscolari, ma può essere utile per escludere altre condizioni, come fratture ossee.

6. Valutazione del Grado di Lesione: In base ai risultati dell’esame fisico e degli eventuali esami di imaging, il medico classifica lo stiramento muscolare in uno dei tre gradi (leggero, moderato, grave), come menzionato in precedenza.

È importante sottolineare che la diagnosi precoce e accurata è fondamentale per un trattamento efficace e una rapida ripresa. Un ritardo nella diagnosi o un trattamento inappropriato può portare a complicazioni e prolungare il tempo di guarigione.

Stiramento adduttore: Sintomi

Gli stiramenti degli adduttori, muscoli situati nella parte interna della coscia, possono variare in gravità, ma presentano alcuni sintomi comuni. Ecco i sintomi principali di uno stiramento degli adduttori:

1. Dolore nella Parte Interna della Coscia: Il sintomo più evidente è il dolore nella zona degli adduttori. Il livello di dolore può variare da una sensazione di disagio lieve a un dolore acuto, a seconda della gravità dello stiramento.

2. Gonfiore o Tumefazione: Può verificarsi un gonfiore nella zona infortunata a causa dell’infiammazione.

3. Ecchimosi o Lividi: In caso di stiramenti più gravi, possono comparire lividi dovuti alla rottura di piccoli vasi sanguigni.

4. Riduzione della Forza Muscolare: Lo stiramento può causare una diminuzione della forza negli adduttori, rendendo difficoltoso l’esecuzione di alcuni movimenti, come il sollevamento della gamba o la chiusura delle gambe.

5. Limitazione del Movimento: Il dolore e il disagio possono limitare l’ampiezza dei movimenti, specialmente quelli che coinvolgono l’adduzione (il movimento di avvicinamento della gamba al centro del corpo).

6. Dolore alla Palpazione: La zona colpita è spesso sensibile al tatto e il dolore può intensificarsi con la palpazione.

7. Dolore durante l’Attività Fisica: Il dolore tende a peggiorare durante attività che mettono sotto sforzo gli adduttori, come la corsa, il calcio, o esercizi specifici per le gambe.

8. Rigidità Muscolare: Potrebbe esserci una sensazione di rigidità nella zona interessata.

È importante sottolineare che non tutti questi sintomi devono necessariamente manifestarsi in ogni caso di lesione dell’adduttore. La gravità dei sintomi dipende dal grado dello stiramento. Inoltre, la presenza di uno o più di questi sintomi richiede una valutazione da parte di un professionista medico per confermare la diagnosi e per stabilire un appropriato piano di trattamento.

Stiramento adduttore: Trattamento

Il trattamento fisioterapico per uno stiramento degli adduttori segue varie fasi, ciascuna mirata a promuovere la guarigione e prevenire ulteriori lesioni.

  1. Fase Acuta (1-3 giorni): Inizialmente, l’obiettivo è ridurre il dolore e l’infiammazione. Questo si può ottenere con il metodo R.I.C.E. (Riposo, Ghiaccio, Compressione, Elevazione). Il riposo è fondamentale per prevenire ulteriori danni ai tessuti. L’applicazione di ghiaccio per 15-20 minuti ogni 2-3 ore aiuta a ridurre il gonfiore e l’infiammazione. La compressione, ad esempio con una fasciatura elastica, può aiutare a limitare il gonfiore, mentre mantenere l’arto elevato favorisce il drenaggio dei fluidi.
  2. Fase di Recupero (da 3 giorni a diverse settimane): Dopo che il gonfiore e il dolore iniziano a diminuire, si può iniziare con esercizi di stretching leggeri e progressivi per gli adduttori. L’obiettivo è mantenere la flessibilità e prevenire la formazione di tessuto cicatriziale che potrebbe limitare il movimento. Anche la terapia manuale, come il massaggio e la mobilizzazione dolce, può essere utile per migliorare la circolazione e favorire la guarigione.
  3. Rafforzamento Muscolare: Una volta che il dolore è gestibile, è importante iniziare esercizi di rafforzamento per gli adduttori e i muscoli circostanti. Questo aiuta a prevenire future lesioni e assicura che i muscoli siano abbastanza forti da sostenere le attività quotidiane. Questi esercizi dovrebbero essere incrementati gradualmente in termini di intensità e carico.
  4. Ritorno all’Attività Fisica: Il ritorno alle attività normali o sportive dovrebbe essere graduale. L’incremento dell’attività fisica deve essere monitorato attentamente per evitare ricadute. È essenziale anche un adeguato riscaldamento prima dell’attività e stretching dopo.
  5. Prevenzione: Per prevenire futuri infortuni, è importante mantenere una buona flessibilità e forza degli adduttori, oltre a una corretta tecnica durante le attività sportive o esercizi.

Ricorda, è importante consultare un fisioterapista o un professionista della salute per un piano di trattamento personalizzato e per assicurarsi di non aggravare l’infortunio.

Stiramento adduttore: Prevenzione

Il Copenaghen Adduction Exercise è un efficace esercizio per la prevenzione degli infortuni agli adduttori, particolarmente utile per gli atleti, come i calciatori, che richiedono una forte stabilità e forza nelle gambe. Ecco come si svolge:

  1. Posizione Iniziale: Il giocatore si sdraia su un fianco, appoggiandosi su un avambraccio per supportare il suo corpo, mentre l’altro braccio rimane lungo il corpo. Questa posizione garantisce stabilità e allinea il corpo correttamente per l’esercizio.
  2. Supporto su una panca: Si posiziona il piede con il ginocchio teso su una panca. Questo aiuta a mantenere l’equilibrio e a focalizzare lo sforzo sui muscoli adduttori.
  3. Esecuzione dell’Esercizio: L’atleta solleva il suo corpo, usando il braccio e la gamba superiore come fulcri, e adduce la gamba inferiore, cercando di far toccare i piedi tra loro. L’obiettivo è mantenere il corpo in una linea retta, evitando di piegare il bacino o la schiena.
  4. Movimento Eccentrico: Il bacino viene abbassato verso il pavimento, mentre il piede della gamba inferiore è controllato in una discesa che sfiora appena il pavimento. Questo movimento eccentrico aumenta la forza degli adduttori.
  5. Ripetizioni e Progressione: L’esercizio può essere adattato a diversi livelli di difficoltà e intensità. Generalmente, si consigliano 3 sessioni di allenamento settimanali, con un numero di ripetizioni che varia dalle 3-5 per i principianti fino a 12-15 per gli atleti più esperti.
  6. Bilateralità: È importante eseguire l’esercizio su entrambi i lati per mantenere un equilibrio muscolare.

Questo esercizio, grazie alla sua semplicità e alla mancanza di necessità di attrezzature speciali, può essere facilmente integrato nella routine di allenamento, sia prima che dopo le sessioni di attività calcistica, contribuendo significativamente alla prevenzione degli infortuni agli adduttori.

Stiramento adduttore: Conclusioni

Le lesioni degli adduttori sono frequenti negli sport con movimenti rapidi e direzionali, come il calcio, e rappresentano una sfida nella riabilitazione e prevenzione di recidive. Queste lesioni, che spesso interessano l’adduttore lungo, derivano da traumi indiretti in contrazione eccentrica o movimenti bruschi in abduzione. Clinicamente, si manifestano con dolore, riduzione della forza e del range di movimento (ROM), e possibile formazione di ematomi.

La risonanza magnetica è cruciale per valutare l’entità della lesione. Il trattamento inizia con la gestione acuta del trauma e prosegue con esercizi isometrici, concentrici ed eccentrici, adeguati alla guarigione dei tessuti. La riabilitazione si concentra sul rinforzo progressivo dei muscoli dell’anca e del tronco, integrando esercizi specifici per le esigenze sportive.

Vuoi prenotare una visita subito in studio?

 

Bibliografia